Il Progetto Le finalità Contatti Mappa del sito Note legali  

News


Eventi San Potito

Angoli magici

Dedicato a

Dicono di noi

Newsletter

Nome:
Email:



Cultura e spettacolo
La Verde Landa - Raccolta di versi di Bruno Moschella
Domenica 22 Novembre 2009 10:00

 

La-verde-landa
Una raccolta di versi di Bruno Moschella

Bruno Moschella

Bruno Moschella nasce a San Potito Ultra il 22 Agosto 1937 e nel nostro borgo trascorre gli anni dell'infanzia e della seconda adolescenza: "...fanciullo scalzo, vagavi, ignaro della vita, per i campi ed all'ombra delle querce, ove i fiumi più limpidi scorrono, abbeveravi la tua sete di quiete! ...E quanti giochi con amici dello stesso pelo, sulla col­linetta!... "

Ma nel 1957 i suoi genitori, Moschella Mario e Tirella Maria si trasferiscono con tutta la famiglia a Napoli, come lui stesso racconta: "...Molto presto, i casi della vita ti indussero ad abban­donare  quei  luoghi  che  conoscevi  meglio  dei palpiti del cuore. ...Li rivedesti, un'ultima volta, quando partisti  per la cit­tà, lasciando... negli sconosciuti anfratti di quelle balze ...una parte dell'anima...". A Napoli Bruno si iscrive all'Università "Federico II". Nel 1962 è assunto ai Telefoni di Stato di Milano, città in cui rimane per circa tre anni.

 

La Verde LandaDal 1965, dopo il matrimonio, cambia più volte residenza fino a stabilirsi definitivamente a Napoli e qui nel 1971, con la poesia "La Città", riceve una segnalazione di merito al Concorso di Poesia del Dopolavoro Poste e Telecomunicazioni. Nel 1973  una sua poesia "Scempio" è inclusa, dal giornale L'Araldo del sud, nell'Antologia "Poeti dei giorni Nostri " edita da Fulvio Masullo. Negli anni '80 pubblica la sua prima raccolta di versi "LA VERDE LANDA" e nel presentare il piccolo volume, di lui così scrive la poetessa Anna Severino: "Mi sono tanto piaciute le sue poesie, non solo per quello che dicono e per come lo di­cono, ma soprattutto per la loro capacità di trasmettere, in tutto od in parte, l'emozione, il sentimento od il pensiero da cui presero vita: e questa è qualità legata alla sola vera poesia, come a qualunque opera d'arte che sia autentica".

Nel 1974 gli viene conferito il Diploma D'Onore nel premio internazionale di poesia "Giuseppe Marotta", 2° Premio. Nel 1975, il Ministero delle Poste e Telecomunicazioni gli assegna, nel Premio "Veio", per il settore narrativa e saggistica, il Diploma di merito ed una medaglia come vincitore della Selezione Compartimentale. Collabora dal 1970 al 1975 con alcuni giornali: L'Araldo del Sud e La Brigata degli Amici del libro, presidente la poetessa Libera Carelli.

Attualmente è in pensione e vive a Napoli

 

Questa breve cronologia non riveste alcun carattere biografico e non intende ripercorrere alcun tracciato esistenziale di Bruno Moschella, ma vuole solamente soffermarsi sull'interessante percorso di un "artigiano della parola" le cui rime dimostrano che l'esser poeta non è una professione, ma è una condizione dell'anima.

La Verde Landa è l'inquietudine di uno spirito libero il cui mondo sembrava non aver limiti: "Non ti erano di ostacolo le siepi, né il filo spinato, che gli uomini avevano disteso per delimitare le loro proprietà... Conoscevi gli ampi orizzonti, intravisti dalle cime dei monti e credevi, per questo, di poter andare dovunque...";

La Verde Landa è il sogno dell'infanzia felice di un  ragazzo, che si risveglia nella realtà del caotico mondo metropolitano e all'improvviso ricorda... "quel giorno... ane­lante, giunto presso alte mura, per caso, pensavi di andare al di là: vedesti, oltre i cancelli, fiori e piante poste in bell'ordine. Ti sembrava strano che un lembo di terra ti si potesse precludere. Ma, lungo i viali di ghiaia rossa, udisti cani latrare... Tornasti verso la collina assai triste. Soltanto allora, io credo, sebbene in modo informe, comprendesti molte cose...";

La Verde Landa è l'illusione del "vecchio ragazzo", che si trasforma in saggezza quando accetta la realtà della vita: "...Lasciasti abitudini care, ripren­dendo speranze più grandi ...Ma, la realtà, come era diversa da quella che avevi sognata! ... ".

La Verde Landa è un patrimonio culturale che non può e non deve passare inosservato ed è per questo che vi esorto a leggere i 15 brani scelti tra le 40 poesie pubblicate nel volume di Bruno Moschella .

Donato Di Stasi

 

San Potito Ultra

La Verde Landa

Poesie di Bruno Moschella

 


(27 Voti)