Il Progetto Le finalità Contatti Mappa del sito Note legali  

News


Eventi San Potito

Angoli magici

Dedicato a

Dicono di noi

Newsletter

Nome:
Email:



News
4 Ottobre 2009 - Una gita tra Nettuno e Tivoli
Venerdì 20 Novembre 2009 13:00

4 Ottobre 2009: una gita tra Nettuno e Tivoli

Ormai era da anni che, per vari motivi, la Pia Associazione Sampotitese del “Cuore di Gesù” non organizzava visite a luoghi di culto della cristianità. Quest'anno, il 4 Ottobre 2009, grazie all'impegno della presidente Palmira Piano e della socia Flora Colucci, ma soprattutto grazie al consenso e all'approvazione del nostro padre spirituale, Don Ranieri Picone, finalmente è stato possibile organizzare una gita domenicale per visitare a Nettuno e Tivoli.

Santuario-BasilicaL'itinerario religioso è iniziato con la visita al Santuario-Basilica di Nostra Signora delle Grazie e di Santa Maria Goretti. La chiesa, edificata nel 1914, sorge a Nettuno, là dove prima era stata la chiesina dell’Annunziata. Al suo interno è collocata l'effigie  della Madonna, che, tradizione vuole, sia giunta in questo luogo nel 1550 proveniente dall'Inghilterra.

A quel tempo, in Inghilterra, per lo scisma anglicano dichiarato da Enrico VIII nel 1538, monasteri e chiese cristiane furono distrutti o confiscati e la persecuzione contro le sacre immagini e le statue dei santi si inasprì nel 1550 sotto Edoardo VI.

Fu allora che alcuni pii marinai sottrassero dalla casa di Cromwell le statue lignee di una Madonna e di altri Santi e le caricarono su un galeone diretto a Napoli salvandole così dalla furia iconoclasta. Ma a causa di una tempesta di inaudita violenza, la nave naufragò sulle coste di Nettuno, davanti alla foce del fiume Loricina e il naufragio della statua lignea della Madonna fu interpretato come la volontà di Nostra Signora Delle Grazie di restare in questo luogo. L'odierno santuario è composto da un piano superiore, dedicato alla Madonna e ai due santi Sebastiano e Rocco e da una cripta, che custodisce le spoglie di Maria Goretti, venerata come martire dalla Chiesa Cattolica, vittima di omicidio a seguito di tentato stupro e canonizzata nel 1950 da papa Pio XII con il nome di Santa Maria Goretti. In questi luoghi di culto abbiamo osservato rigoroso silenzio e ci siamo immerse nella preghiera e nell’adorazione della giovane Santa e Martire.

Casa del martirioDal luogo di culto ci siamo poi recate a Ferriera di Conca, (oggi Borgo Montello in provincia di Latina) a circa dieci chilometri da Nettuno, per visitare la cascina in cui Maria Goretti visse e dove fu colpita a morte in giovane età. E' qui infatti, che Alessandro Serenelli, all'epoca diciottenne, invaghitosi della giovanetta, dall'inizio del mese di giugno del 1902 tentò più volte di sedurla. Il 5 luglio 1902, avendola trovata sola in casa, l'aggredì tentando inutilmente di violentarla. Accecato dall'ira per le  resistenze di Marietta (era così che la chiamavano in casa), la ferì gravemente pugnalandola con un punteruolo in varie parti del corpo. Inutilmente operata, si spense nell’ospedale Fatebenefratelli di Nettuno il 6 luglio 1902. Papa Pio XII la proclamò beata il 27 aprile 1947 e santa il 24 giugno 1950, in piazza San Pietro, alla presenza della madre e dei fratelli, del presidente della Repubblica Luigi Einaudi, del primo ministro Alcide De Gasperi e di migliaia di fedeli.

Tivoli Fontana di NettunoIl pranzo, consumato nel ristorante  “Il Maniero” in Tivoli, ha dato inizio al momento ricreativo della giornata; la spensieratezza e la gioia hanno avuto il sopravvento, in modo particolare nelle socie “Senior” le quali hanno trasmesso la propria vivacità a tutte le altre: è proprio vero, l'allegria fa buon sangue e con noi ha funzionato.

La gita si è conclusa con la visita pomeridiana alle fontane di Tivoli. Il sole, il clima temperato e la buona compagnia hanno reso tutto molto rilassante e piacevole, ogni fontana è stata ammirata e ogni viale è stato percorso interamente e solo verso la fine la stanchezza ha preso il sopravvento, ma  oramai la giornata volgeva al termine e il rientro si è svolto tranquillamente.

Un grazie particolare va a  tutte le socie che hanno partecipato  a quest’evento rendendolo speciale  ed unico, tanto da suscitare rammarico in quanti non hanno potuto partecipare. È per tale motivo che ci auguriamo di ripetere quanto prima una esperienza simile. Alla prossima !!!

Associazione Cuore di Gesù

 

 

Galleria fotografica gita Tivoli-Nettuno
Clicca sull'immagine per vedere le foto della gita

 


(12 Voti)