Il Progetto Le finalità Contatti Mappa del sito Note legali  

News


Eventi San Potito

Angoli magici

Dedicato a

Dicono di noi

Newsletter

Nome:
Email:



San Potito Ultra e Dintorni
Le cartoline di Fausto

cartoline-di-Fausto

San-Potito--Autunno-1951

  La cartolina illustrata è una memoria documentale, una preziosa testimonianza del passato che ci aiuta a inquadrare, comparare e comprendere quegli avvenimenti che hanno portato alla scomparsa, al degrado o al notevole miglioramento dei luoghi in quanto tali, in quanto luoghi d'interesse storico, culturale, architettonico, paesaggistico, o semplicemente turistico. La sua data di nascita è da collocare intorno al 1870, l'epoca della sua maggiore diffusione dal 1895 al 1946 e in tutti questi anni il piccolo cartoncino non ha mai cessato di illustrare in maniera efficace, la realtà, il costume e il gusto artistico dei popoli, nonché lo sviluppo sociale, economico ed urbanistico di un determinato territorio.

  Le prime cartoline illustrate, la cui emissione era autorizzata dal Governo, raffiguravano solo monumenti o scorci panoramici delle più importanti città d'Italia. Con il diffondersi della fotografia, anche i paesi e i piccoli centri cittadini beneficiarono della concessione governativa per l'emissione delle cartoline illustrate. L'iniziativa di “stampare” cartoline venne presa da persone che avevano pubblici esercizi, ma soprattutto da coloro che gestivano la privativa dei generi di monopolio. Sulle cartoline era riportato, come avviene ancora oggi, il loro nome e cognome preceduto da “Ed.” e così diventavano, in senso lato,  gli “editori locali”; davanti a questa dicitura si riportava anche il numero di cliché della cartolina.

Anche San Potito Ultra ha avuto i suoi editori di cartoline:Ediz-Cav-Carmine-Spina

il Cav. Carmine Spina;

vari Comitati Festa 8 Settembre;

la Confraternita Maria SS. del Soccorso;

la Pro Loco Sampotitese;

la sig.ra Nardone Luisella.

  Il Cav. Carmine Spina fotografava per passione e trasformava gli “scatti” più belli e significativi in cartoline aventi per soggetto gli scorci più caratteristici di San Potito Ultra.

 

2000-Timbro-annullo-postale  Vari Comitati Festa 8 Settembre, in occasione dell'annuale festa a patronale che ricade, appunto, il giorno 8 Settembre, hanno pubblicato alcune cartoline in onore della Madonna del Soccorso Patrona di San Potito Ultra.

  La Confraternita Maria SS. del Soccorso, in occasione di particolari celebrazioni sacre, ha pubblicato due cartoline: la prima con un annullo postale datato 8 Settembre 2000, per commemorare l'Anno Giubilare; in un'altra edizione fu stampata, una cartolina raffigurante la statua di Maria SS. Incoronata del Soccorso tutta ricoperta degli ex voto d'oro ricevuti dai suoi devoti.

  La Pro Loco di San Potito Ultra, ha pubblicato una serie di cinque cartoline in occasione del concorso fotografico “Una cartolina da San Potito” organizzato nel 2005. 

00-Luisella-Nardone-e-suo-marito-Porfido-Domenico  Luisella Nardone, titolare dell'unica privativa di generi di monopolio in San Potito Ultra, a metà degli anni Sessanta, ordinò un servizio fotografico con l'intenzione di realizzare una serie di cartoline illustrate del nostro borgo. Quel progetto non fu mai realizzato e del servizio fotografico sono giunti a noi, i “provini” dei luoghi ripresi dal fotografo …

  Fausto Porfido, il figlio di Luisella, che oggi conduce l'attività della madre, ha ritrovato chissà dove i provini dai quali sono state ricavate tutte le foto che non diventarono mai cartoline illustrate. L'intero servizio fotografico è riportato nella relativa galleria di immagini che potrete consultare a fondo pagina; le foto non sono “perfette”, ma considerate che esse sono state ricavate non dai negativi, ma da fotogrammi di dimensioni ridottissime (1cm. x 2cm.) stampati su carta e, malgrado le tecnologie moderne per la scansione di immagini, non è stato possibile ottenere una qualità migliore di quella che vedrete.

Pellicola...Negli anni Ottanta, poi, Luisella Nardone pubblicò la cartolina a colori, raffigurata a fondo pagina, che rimane una delle poche cartoline di San Potito Ultra. Oggi, grazie alla passione giovanile che Fausto ha avuto per il collezionismo, è possibile rivedere, non solo com'era il nostro borgo negli anni Sessanta, ma attraverso una raccolta di cartoline illustrate d'epoca, vedere come erano e come sono cambiati i dintorni di Contrada Radicozzo: Parolise, Atripalda, Avellino, Mercogliano, Ospedaletto, Montevergine, Napoli.

Ediz-Nardone-Luisella-RivTab-N1In tal senso le cartoline illustrate di Fausto sono come dei “reperti archeologici”. Quasi sempre dimenticate tra le pagine di un libro; relegate, insieme ad altre loro compagne, in angusti cassetti; chiuse, per anni,  in vecchie scatole. E loro stanno lì, al buio, nella polvere delle soffitte o nell'umidità degli scantinati …e attendono. Poi un bel giorno, malgrado il buio, la polvere e l'umidità, ritornano alla luce e con i loro colori sgargianti, più splendenti che mai, ci riportano indietro nel tempo ricordandoci i saluti, i baci, le frasi d'amore e i messaggi augurali ricevuti dagli amici, da un vecchio amore, dai parenti lontani, dai genitori o da chissà chi.

 

 

firma

 

Piazza Baroni Amatucci Ediz. Nardone Luisella

Le foto che non diventarono mai
cartoline illustrate.

Cartoline d'epoca
San Potito Ultra e dintorni






(37 Voti)